Il racconto di Francesco L.

(Premetto che sono portatore di valvola aortica con protesi “Sorin-Bicarbon dal 2007, quindi in terapia con “Coumadin”). L’inizio della mia malattia, con L’IRC è cominciato nel gennaio del 2015, dopo un ricovero in P.S. a causa di sindomi gastrointestinali di tipo colico, dolorabilità addominale e melena. Comparsa, dopo alcuni giorni, di grosse macchie rosse e scure agli arti inferiori (ecchimosi e/o porpora di Schonlein – Henoch), sottoposto a T.A.C. con mdc, dimesso con un valore di “Creatinina” di 2,45 mg/dl, ho subito un successivo ricovero in reparto di “Nefrologia”, a causa dell’aumento del valore della “creatinina” a 5,2 mg/dl , consulto specialistico di “Dietoterapia nel trapianto e nell’insufficienza renale cronica”, inizio dieta “iposodica ed ipoproteica” con prodotti “Aproten”. dimesso, il 03.03.2015, con la diagnosi di “malattia renale cronica di IV stadio con necessità di trattamento “dialitico”. Si fissava la data per l’intervento della “Fistula” (arterio-venous fistula) per l’inizio della Dialisi. Qualche giorno prima, della data fissata, grazia alle mie preghiere alla “Madonna del Santo Rosario di Pompei” ed alla dieta, come terapia conservativa, con prodotti ipoproteici della “Mevalia”, la creatinina era scesa al valore di 4,0 mg/dl, per cui disdico il ricovero, per l’intervento di cui sopra, continuo la dieta ipoproteica consigliata dalla dott.ssa del Policlinico Fed. II di Napoli, invitato a partecipare il 26.09.2015, ad una riunione per la dimostrazione di prodotti “ipoproteici della Mevalia”. da questa partecipazione, la mia consorte, ha potuto apprendere la preparazione di alcune pietanze con detti prodotti, per il trattamento conservativo della patologia in essere. Grazie al Signore, alla dieta conservativa specifica prescritta,con prodotti ipoproteici (ora Flavis), la mia creatinina si è stabilizzata su valori che oscillano tra 2,5 e 2,8 mg/dl.

Ringrazio infinitamente la Vostra organizzazione, i Vostri prodotti che giornalmente consumo con fiducia e speranza di un miglioramento crescente. Distintamente saluto Francesco Locanto

Commenti