Il racconto di Franco

Non è stato facile convivere con IRC, ho avuto parecchi problemi, come ipertensione, alimentazione aproteica, crampi, debolezza diffusa. Ho convissuto con il miei reni policistici per circa 30 anni. La convivenza con Irc, tutto sommato è stata accettabile, in quanto avendo una dieta aproteica alle spalle, farmaci per l ipertensione, si va avanti. Certo rinucie a livello alimentare molte, ogni tanto fai i conti con la malinconia, e speri che la dialisi non bussi mai alla tua porta. Non c’è un modo scientifico per tenerla lontano, nel mio caso specifico dipendeva dalla velocità con cui le cisti invadevano il rene.
Poi nel 2017 ho iniziato il percorso per il trapianto da donatore vivente (mi moglie). Ci siamo rivolti alla ospedale S Bortolo di Vicenza dove con serenità e professionalità indiscutibile siamo stati seguiti e accompagnati al trapianto in data 10 /04/2018. È andato tutto bene, adesso vivo una vita normale, mi alimento normalmente, prendo regolarmente i farmaci prescritti,. Non ho conosciuto il travaglio della dialisi, perché i medici sono intervenuti prima che fosse necessaria. Ho ringraziato il canto trapianti di Vincenza, che tutto ora mi segue, benché io abiti a Roma, e una volta l anno vado da loro per il controllo di routine.
Auguro a tutti i malati di Irc all ultimo stadio di poter fare subito un trapianto senza lunghe liste di attesa.

Commenti